Nausicaa della Valle del Vento

Anche Nausicaa della Valle del Vento entra a far parte della lista dei film dello Studio Ghibli da me visti.

Non è un film semplice da vedere, secondo me, in quanto il messaggio proposto è abbastanza forte: vedere dipinta la crudeltà dell'uomo con certe sfacettature lascia sempre il segno.
Inoltre, lo sconsiglio per chi ha una vera e propria fobia per gli insetti, in quanto ce ne sono di giganti.

Nausicaa

Realizzato nel 1984, parla di Nausicaa, principessa della Valle del Vento, che riuscirà a salvare il proprio paese e il mondo intero dalla distruzione.
La Terra è per lo più contaminata dalla Giungla Tossica, un insieme di piante che rilasciano spore velenose, in cui vivono insetti giganti che attaccano l'uomo se minacciati. La Giungla è stata causata da guerre in cui sono state usate armi atomiche ed è in continua espansione, anche se ci sono ancora aeree incontaminate dove gli uomini vivono.
Le guerre non sono ancora cessate e proprio a causa di queste, la Valle del Vento rischia di essere distrutta per mezzo dei mostri tarli giganti.
Per evitare di essere soggiogati dai nemici, le autorità di un popolo decidono di distruggere la propria città, prima, e di condannare a morte la valle di Nausicaa sfruttando l'ira dei mostri tarli, che vengono aizzati da un cucciolo tarlo ferito, trasportato nella valle affinché venga seguito.

Una scena davvero raccapricciante, non tanto per la sequenza di immagini, ma per il fatto ed il messaggio in sé. Si parla di un popolo disposto a tutto pur di non essere sopraffatto dal nemico; di alcune persone che decidono di usare un cucciolo morente per ottenere i loro obiettivi.

Vedere come l'innocenza di un anime riesca a dipingere il genere umano non lascia indifferenti.

Nel film, solo l'amore e i buoni sentimenti di Nausicaa permetteranno a lei di salvare il suo popolo e tutto il genere umano, riportando il piccolo mostro tarlo dai compagni a costo della sua vita. Questa sua predisposizione nel capire il prossimo, verrà ricopensata dai mostri tarli che le ridoneranno la vita.
Infatti, Nausicaa non aveva mai accettato passivamente il ruolo "comune" della Giungla Tossica, vista come un nemico da estirpare con il fuoco, ma aveva sempre cercato di capire la sua natura e quindi aveva sempre compreso l'importanza del rispetto di ogni forma di vita.
Si avvera così la leggenda dell'uomo vestito di blu che discende dal cielo facendolo diventare dorato e che porta la pace su tutto.

Un anime davvero bello, pieno di spunti su cui riflettere.

by Realizzazione Siti Vicenza & Temi per Drupal
Creative Commons License | Privacy & Cookie Policy