Informatica

A Sheldon piace Ubuntu

A Sheldon Cooper piace Ubuntu e non poteva essere altrimenti! Per un cervellone come lui, preferire un altro sistema operativo sarebbe stato antisonante.

Nella penultima puntata della terza stagione di The Big Bang Theory (di cui ha parlato ieri, in questo post), Sheldon ha affermato di preferire Ubuntu.
Qui lo spezzone "incriminato". :-)

Segue

KDE software compilation 4.4 anche per Windows

Non sono certo un'amante di Windows, però sapere che è possibile installare e utilizzare i programmi di KDE anche su questo sistema operativo è un'occasione da prendere al balzo.
Quindi, dopo l'uscita di KDE 4.4.0 con il nome di "Software compilation" per sistemi GNU/Linux, ormai avvenuta da un mese (è già disponibile l'aggiornamento alla versione 4.4.1), da quasi un mese è disponibile anche per sistemi Windows.
Un paio di settimane fa ho fatto l'aggiornamento e, anche se non tutti i repository erano aggiornati, appena individuato uno di quelli con i file di KDE 4.4.0 ho provveduto all'aggiornamento su un'installazione di Windows Xp.

Segue

KDE 4.3 è stato rilasciato

È da un po' di giorni che aspettavo il rilascio, sebbene io stia usando KDE da un bel po' di tempo e con versioni abbastanza "aggiornate" (KDE 4.2.4).

kde 4.3 desktop

L'annuncio ufficiale è disponibile sul sito di KDE (per la precisione qui).

Su ArchLinux già ieri è uscita una notizia con qualche piccola nota sull'avvenuta pacchettizzazione di KDE 4.3 (in italiano, KDE 4.3: pacchettizzato e splittato qui).

Segue

KDE 4.2, sì, no, come, perché

Lo scorso 27 gennaio è uscita la release 4.2 di KDE 4.
Mentre i lavori per la prossima 4.3 sono già iniziati in trunk (la versione di sviluppo, futura KDE 4.3 appunto), in giro si parla molto sul fatto di poter definitivamente passare da KDE 3.5 a KDE 4.2.
I pareri sono molti e molto discordanti tra di loro. Da una parte, chi si trova bene e non trova difetti rispetto KDE 3.5, cioè tutte le applicazioni funzionano almeno come in KDE 3.5. Dall'altra, chi si trova male perché molte applicazioni non funzionano ancora, ci sono continui crash (applicazioni che si chiudono per errori, in parole povere) e mancano ancora molte delle feature promesse dagli sviluppatori (in particolare, si recrimina plasma, il desktop, detto in poche parole).
In pratica molti criticano il fatto che sia ancora lontano dall'essere paragonata al collaudato KDE 3.5 e sembrano lamentare che le promesse fatte dagli sviluppatori non siano state mantenute.
..ma davvero ci si può trovar male ad utilizzare questa KDE 4.2?

Segue

OpenOffice.org 3

Il 13 ottobre è uscita la versione stabile di OpenOffice.org 3, che non è scaricabile dai repository ufficiali di molte distribuzioni.

Io ho voluto provarlo ugualmente, in quanto, tra le varie novità, si menziona un avvio più rapido e soprattutto una miglior gestione di file di Microsoft Word "grandi". In effetti, molte volte, importare file di qualche mega non è un'impresa facile.

Per riuscire ad installare il nuovo OpenOffice.org ho scaricato il file Versione Linux DEB dall'area download e ho seguito le istruzioni di questo blog linuxfreedom-technoshaun.blogspot.com.
Riassumendo per punti:

  • ho rimosso OpenOffice.org 2.4
  • ho scompresso il file .deb.tar.gz scaricato
  • e dalle directory con file .deb ho eseguito i seguenti comandi:
  • sudo dpkg -i *.deb

(Per ulteriori dettagli leggere l'inserimento del link riportato sopra.)

Segue

Un nuovo Linux Day

Il prossimo 25 ottobre sarà il Linux Day, un giorno dedicato al sistema operativo GNU/Linux.
In varie città d'Italia, i LUG (Linux User Group) locali organizzano manifestazioni ed eventi per promuovere il software libero e in particolare GNU/Linux.

Di particolare interesse dovrebbe essere la possibilità di portare il proprio computer per essere assistiti durante l'installazione di una qualunque distribuzione del sistema operativo.

Nel sito linuxday.it trovate tutte le informazioni sulla giornata e le città dove si svolgerà quest'anno.

RICOH MP C4500 su GNU/Linux

Finalmente sono passata a GNU/Linux anche nella mia postazione di lavoro. Purtroppo ho ancora un pc Windows alle mie dipendenze per i casi di emergenza, ma questo è un enorme passo avanti: finalmente nessun aggiornamento mi richiederà di riavviare il pc durante una simulazione o quan'altro, se ho bisogno di installarmi qualche programma basterà usare la riga di comando o yast, visto che sono su openSUSE, se necessito di spazio posso aumentare i Desktop a mia disposizione, il tasto centrale mi permette di incollare senza Ctrl+C e Ctrl+V ecc ecc ecc. :)
Insomma i vantaggi sono molteplici e visto che per la maggior parte del tempo devo solo utilizzare Matlab, niente di meglio che passare a GNU/Linux e sentirmi come a casa per lavorare. :D
Ho optato per openSUSE.

Nessun problema per l'installazione, ormai è possibile fare tutto da interfaccia grafica e ad occhi chiusi.
Nel mio caso, le uniche incognite sono state le stampanti da installare: una HP Laserjet 3380 con scanner e una RICOH MP C4500. L'HP è stata riconosciuta immediatamente dal sistema ed è stato amore a prima vista, scanner compreso. Per la seconda, invece, è stata necessaria la configurazione manuale.

Nel mio caso, inoltre, per esigenze di lavoro, l'accesso alla stampante è regolamentato da un opportuno sistema di codici che identifica il gruppo di lavoro di appartenza (per la gestione delle quote di stampa) e il driver disponibile dalla finestra di configurazione delle stampanti non lo gestisce. Quindi è stato necessario scaricare un driver più adatto.
Le informazioni che si possono trovare su linuxprintig.org sono molto utili (per la RICOH MP C4500 ecco il link diretto) e, in particolare, i file .ppd che si possono scaricare.
Al momento sto utilizzando il driver pxlcolor, in quanto quello postscript sembra avere qualche problema.

Segue

Week-end di installazioni

Stasera avrei dovuto essere al Soave Guitar Festival e invece ho dovuto farmi sostituire, visto che il biglietto era già nel cassetto da tempo. Infatti, da quando la presenza di Tommy Emmanuel è come una tradizione a questa rassegna, gli appassionati del genere iniziano la caccia ai biglietti con molto anticipo, tramite le prevendite.
Peccato veramente, visto che per il costo dei biglietti lo spettacolo merita davvero. Si possono infatti gustare e conoscere grandi artisti riuniti in un'unica serata e ammirare il grande "ET" (Tommy Emmanuel), come è noto al pubblico di appassionati.
Anche l'anno scorso me lo sono persa. ;( Speriamo che l'anno prossimo sia più fortunato, perché mi vien da dire che questo Soave Guitar Festival ce l'ha proprio con me... ;( ;( ;(

Per consolarmi, sto sfruttando appieno la nuova linea adsl per "aggiornare" il pc fisso. Ieri ho fatto la mia prima installazione di Arch Linux da sola, partizionamento del disco compreso. Non ho formattato il disco dei dati, Arch Linux funziona, quindi grande successo senza particolari problemi: tutto tranquillo! :D Alla fine è bastato seguire la Beginners Guide (italiano) presente sul sito per riuscire a non combinare danni e far partire KDE senza problemi.

Segue

Google Docs

Non avendo l'adsl, sfruttare alcune dei servizi di Google è l'ultimo dei miei pensieri. Però devo dire che potendo, Google Docs è davvero comodo!

Google Docs è il servizio offerto da Google che permette agli utenti che hanno un account di posta elettronica su Google di usufruire online di un word processor e di un foglio di calcolo.

Se una persona ha a disposizione Office o OpenOffice.org sul proprio computer può non essere chiara la necessità di scrivere mediante Google Docs che, oltretutto, disponde di funzioni limitate (rispetto ai programmi sopracitati).

Segue

Linux in un libro

Da qualche giorno ho finalmente iniziato a leggere il mio ultimo regalo di laurea, che, con fatica, sono riuscita a farmi arrivare solo grazie ad una libreria universitaria.

Si tratta del libro LPI Linux Certificazion in a nutshell che dovrebbe servire per la preparazione all'esame da sostenere per una certificazione di Linux, ma che può essere visto anche come un'eccellente lettura introduttiva al mondo GNU/Linux. Infatti, il suo contenuto è molto utile per capire la base di determinate operazioni che, magari, nel mio caso, faccio per abitudine, senza capire realmente cosa c'è sotto.

Segue
by Realizzazione Siti Vicenza & Temi per Drupal
Creative Commons License | Privacy & Cookie Policy