Halloween in UK

Aggirarsi per le strade di Cardiff, la notte di Halloween, riserva molte sorprese.
Qui non è come in Italia che la festa ha preso piede solo da qualche anno, probabilmente è conosciuta da più di tempo ed è il momento giusto per le persone per dar sfogo alla propria voglia di essere "stravaganti".
Ragazze in abiti striminziti, vestite da infermiere super sexy, angeli provocanti o conigliette, ragazzi travestiti da donne, puffi blu, fantasmi ecc.
Oltretutto qui non hanno freddo. Ok, non ci sono le temperature tipicamente invernali che ci sono da noi in questo periodo, ma comunque vedere ragazze praticamente vestite in sottoveste o ragazzi aggirarsi ancora con magliette dalle maniche corte fa veramente impressione.
Poi arrivi ad aggirarti verso mezzanotte e ad incontrare ragazzi completamente ubriachi che non si reggono in piedi o che, magari, lo fanno a fatica.

A parte queste stramberie, non è da meno il fatto di aver attraversato, nella notte di Halloween, un cimitero. Sì, sono pure io allibita. :-O
Il bello o il brutto, a voi la scelta, è che non eravamo gli unici nel cimitero.. C'era pure della gente che era ferma sotto un albero a non so fare cosa. :-/

Praticamente, l'idea "eccezionale" è stata di andare a fare una passeggiata, di sera, passando tranquillamente, torce in mano, in mezzo ai parchi della città, ovviamente completamente senza illuminazione. Poi, perché no, passare attraverso un cimitero, sbagliando pure l'uscita, per accorciare la strada verso la destinazione. :-O

Avere avuto la macchinetta fotografica, ma una di quelle serie, sarebbe stato fantastico perché si sarebbe potuto immortalare uno spettacolo davvero inconsueto. Sfido a trovare nelle nostre belle città, aree così vaste senza illuminazione e che si possono attraversare, penso, tranquillamente, tanto che la gente vi passa normalmente senza l'ausilio delle torce (praticamente rischi senza difficoltà qualche frontale con bici senza fari).

Due immagini davvero suggestive mi ricorderò sempre. La prima, quando siamo passati su un ponte, coi riflessi bianchi dell'acqua che si fondono all'orizzonte con il chiarore rossastro del cielo e incorniciati dalle sagome nere degli alberi lungo la riva, che hanno creato un quadro molto suggestivo. La seconda, quando abbiamo attraversato un viale alberato, spolverato di foglie giallastre, che si affacciava ad un grande prato, che ancora poteva mostrare il suo colore verdastro sotto il cielo di questo nord.

by Realizzazione Siti Vicenza & Temi per Drupal
Creative Commons License | Privacy & Cookie Policy