Edgy Eft

È uscita da un po' di tempo ormai l'ultima versione stabile di Kubuntu, Edgy Eft, e finalmente è arrivata l'ora di pubblicare questo inserimento, relativo ad alcune impressioni dopo la sua installazione sul mio notebook.
Non ho avuto molto tempo per testarla, ma devo dire che le modifiche apportate sono già visibili a primo impatto. Il restyling grafico del caricamento del sistema, il vassoio di sistema ecc sono apprezzabili, ma soprattutto è da evidenziare il lavoro fatto per velocizzare il caricamento del sistema. Così come viene installata, passiamo dal minuto e qualche secondo alla quarantina di secondi per arrivare ad X, almeno per quanto mi riguarda.
Insomma, ritornare ad usare Dapper Drake, senza offesa per quest'ottima release, sembra di ritornare al passato. :P
Qui di seguito mi limito ad evidenziare alcuni aspetti che ho potuto riscontrare (e che sono pochi sia per l'utilizzo che ne sto facendo in questo periodo sia perché da dire non c'è poi molto) .

La gestione della batteria del notebook sembrerebbe migliore rispetto alle precedenti versioni, ma solo apparentemente... Di default non è installato powersaved+kpowersave per la regolazione della frequenza di lavoro della CPU, ma anche se si provvede ad installarlo non è sufficiente ad ottenere ciò che si desidera. Infatti è necessario riavviare il demone dopo aver fatto partire kpowersave digitando da shell

sudo /etc/init.d/kpowersave restart

per poter cambiare il regime di funzionamento della CPU.

Con il kernel 2.17.x.x è finalmente possibile utilizzare il lettore di MMC, xD e SD card della Texas Instruments che ho integrato nel notebook.
Con il comando tail -f /var/log/messages è possibile identificare il dispositivo, ma esso necessita della configurazione illustrata in quest'articolo affinché venga riconosciuto e montato in automatico (al contrario di quanto è avvenuto con Debian, all'epoca dell'inserimento proposto).

OpenOffice.org (2.0.4) ha qualche problema di stabilità: mi è crashato più di qualche volta nel bel mezzo di un'elaborazione dati (vedi quest'inserimento).

Speciale la presenza del meta-pacchetto texlive: contiene un numero spropositato di software e librerie per LaTeX. Texlive, tra l'altro, non è stato pacchettizzato per molte altre distribuzioni, come ad esempio Dapper Drake.

Veniamo ora agli effetti speciali e al vero motivo per cui ho installato Edgy Eft: Aiglx!
Purtroppo sul mio PC fisso la scheda video "antiquata" non lo permette, ma con schede moderne si possono fare miracoli.

Aiglx sta per Accelerated Indirect GLX ed è un progetto Open Source che permette, tramite appositi software, di ottenere numerosi effetti grafici Desktop Enviroment: finestre che appaiono come per magia e scompaiono dissolvendosi, trasparenze e ombre, possibilità di visualizzare su un cubo trimensionale i desktop che si stanno utilizzando, finestre "gommose" che si deformano come fossero di plastica morbida ecc ecc. Per chi vole vedere anziché cercare di capire a parole di cosa si stratta, qui ci sono delle dimostrazioni.
A parole sembrano delle civetterie per chi vuole fare colpo sugli amici ed effettivamente è anche così: un sacco di effetti sono completamente inutili e dopo un po' stancano. Tuttavia la possibilità di mettere a fuoco la finestra sotto il mouse oppure di vedere in trasparenza cosa c'è nella finestra sotto oppure di vedere sul desktop, in modo ordinato, tutte le finestre che sono aperte sono alcune delle peculiarità più interessanti di Aiglx. Soprattutto perché non si appesantisce la CPU! :)

Nel wiki del progetto Beryl è possibile avere la guida all'installazione di tutti i programmi necessari al suo utilizzo.

In sostanza anche questa volta non si può proprio trovare un motivo per non utilizzare questa distribuzione che ad ogni release ottiene un nuovo successo.

me lo passi un commento OT? i feed incompleti sono una piaga dei blog... nn e' che li rimetteresti interi?
Mmmh... Si, se sapessi come si fa. Io non ho mai impostato nulla sui feed e dalla mia Dashboard non vedo niente che mi permetta di modificare eventuali impostazioni a proposito. Non vorrei sbagliarmi perché non ho guardato approfonditamente, però essendo un servizio gratuito di WP, questo, potrebbe non essere possibile fare altrimenti.
oddio, magari li han segati a monte :(
Aggiungi un commento
by Realizzazione Siti Vicenza & Temi per Drupal
Creative Commons License | Privacy & Cookie Policy