Controllare sempre la merce acquistata e le relative "scartoffie"

ATTENZIONE: controllate la merce quando la acquistate, non si sa mai. Controllate se bisogna registrare il prodotto per far valere la garanzia, accertatevi che non ci siano messaggi relativi alla verifica dell'originalità e/o del funzionamento del prodotto stesso.
Ovviamente incrociate le dita affinché tutto sia ok e sperate che sostituendo l'eventuale prodotto difettoso il problema non persista, perché il rimborso può essere una cosa lunga e dolorosa. :)

Ma cominciamo dall'inizio...

Una settimana fa ho visto, in un negozio, il cellulare Nokia 1110i in offerta.
Ho pensato di acquistarlo: Nokia è un'ottima marca, la batteria dura in eterno perché il modello è un cellulare senza schermo a colori, fotocamera o altre cose inutili al funzionamento "da cellulare"... Ottimo, per quello che serve a me!

Per sbaglio cerco nel libretto delle istruzioni se c'è scritto quanto ci mette a caricarsi la batteria, se c'è qualche indicazione particolare per la prima carica.
Per sbaglio noto che bisognerebbe controllare l'originalità della batteria al link www.nokia.com/batterycheck.
Non che io sia abituata a leggere i libretti delle istruzioni dei cellulari, ma, sinceramente, non avevo mai notato o sentito parlare di una cosa del genere.
In effetti, poi ho controllato, nel libretto del mio cellulare più vecchio di due anni, sempre della Nokia, non ho trovato alcun accenno a questa operazione di verifica dell'originalità della batteria.
Non volevo nemmeno farlo, per pigrizia, e avrei fatto male, perché ho scoperto che il codice della mia batteria non è riconosciuto come originale.

Cosa vuol dire? Beh, teoricamente che la batteria può danneggiare il cellulare o farlo funzionare "male", ma soprattutto fa decadere la garanzia.

Chiamo il negozio dove ho acquistato il cellulare che mi dice di tornare lì. Il giorno dopo vado, l'assistenza verifica il problema controllando su internet il fatto, prende un altro cellulare dello stesso modello e verifica la batteria... Anche quella risultava non originale. Inutile provare con un terzo, mi rimborsano.

Una mia amica si offre di prendermi lo stesso cellulare in un posto dove doveva andare lei. Io le dico che se le verificano l'autenticità della batteria ok, altrimenti che lasciasse perdere: "come ho fatto senza fin'ora, continuo". Soprattutto perché il pensiero va ad un'intera partita di cellulari con lo stesso problema.
Ero abbastanza fiduciosa che non ci sarebbero stati problemi per il controllo in loco della batteria, visto che dove doveva andare era un altro negozio della stessa catena di dov'ero andata io la prima volta. Insomma, dov'ero stata sono stati molto gentili, mi hanno fatto pure provare la compatibilità di una tavoletta grafica con GNU/Linux!!! ;)

Nel posto dove la mia amica si è recata, dicono di non aver il collegamento internet, ma aggiungono che se ci sono problemi il cellulare potrà esser sostituito/rimborsato, quindi lo compra ugualmente. Mai lo avesse fatto...

La batteria anche questa volta risulta "tarocca": caso veramente strano. Provo a chiamare un centro Nokia che mi dice che non sa spiegarsi la cosa, che non è un problema di sito, di tornare dove ho acquistato il cellulare.

Torniamo al negozio e lì lo stesso tizio che aveva detto "te lo sostituisco/rimborso senza problemi" dice che dobbiamo rivolgerci ad un centro Nokia, che non è una cosa di loro competenza. Nulla ha servito dirgli che avevo già chiamato, lui voleva una carta timbrata dalla Nokia.

Andiamo al centro Nokia e lì è stato il colmo.
Una batteria Nokia ha due codici: uno è sul bollino con l'ologramma della Nokia, che serve per scoprire se la batteria è orignale, e uno è quello sulla batteria, il suo codice seriale, quello che può servire per verificare se è tra quelle con difetti di fabbricazione. La ragazza dell'assistenza sosteneva che il codice che dovevo verificare era il secondo, che il primo non serve a nulla e storie del genere. Era talmente convinta della cosa che non voleva nemmeno leggere il libretto delle istruzioni dove tanto di immagini le avrebbero fatto cambiare idea.
Ormai io avevo perso la pazienza e mi ero messa a leggerle io il libretto delle istruzioni! Pure lei era un po' risentita e alla fine mi dice "beh, fammi vedere tu cosa faresti", quindi sono riuscita a farla andare al link corretto e a farle inserire il codice.
Le pene per farla fermare col mouse nel punto della pagina web in cui si leggeva che l'autentificazione non aveva avuto successo! Sì, perché, dopo aver inserito il codice e aver cliccato su "Search", la pagina si ricarica e ritorna all'inizio anziché rimanere a metà, dove viene visualizzato il messaggio di errore o di successo.
Letto il messaggio di errore, la ragazza non era ancora convinta che la procedura fosse quella corretta. Quindi va a chiedere conferma e torna dicendo "sì, la batteria non è originale, dovete tornare dove l'avete comprata". Disperazione: c'avevano appena detto di andare lì, "qui non se ne viene più fuori" ho pensato.
Oltretutto il commesso del negozio voleva un foglio timbrato dalla Nokia che mi sarebbe costato 7.50 euro... Ma siamo pazzi? Per fortuna alla ragazza viene in mente di stamparmi la pagina internet (mossa astuta).

Quindi io e la mia amica torniamo al negozio e la commessa di turno tenta di controllare sul sito internet l'autenticità della batteria (ha ha ha... avevano il collegamento internet, allora...) senza chiedermi nulla.
Ora mi chiedo, se nemmeno quelli dell'assistenza sapevano di questa procedura, lei sapeva già dove doveva andare e cosa fare (allora falsi fin dall'inizio) oppure avrebbe controllato chissà quale codice? Più probabile la seconda ipotesi, in ogni caso non è riuscita ad accedere al sito, quindi, dopo aver fotocopiato la carta del centro Nokia (che c'ha solo evitato di perdere ulteriore tempo), voleva sostituirmi il cellulare.
COSA???? Cioè, 3 Nokia 1110i su 3 con lo stesso problema e me ne vuoi dare un altro ancora? Se mi controlli la batteria affari tuoi, ma se ti aspetti che io vada a casa, verifichi che la batteria non è originale e torni qui per rifare tutta questa trafila sei pazza! Da lì, con un altro cellulare non sarei mai uscita. A costo di parlare con qualunque responsabile e di stare lì ore.
La commessa deve aver capito l'antifona e finalmente c'ha fatto questo benedetto rimborso.

by Realizzazione Siti Vicenza & Temi per Drupal
Creative Commons License | Privacy & Cookie Policy